Termopratico » Tutorial » Caldaia rumorosa? Perché e come risolvere il problema
Tutorial

Caldaia rumorosa? Perché e come risolvere il problema

caldaia rumorosa

Da qualche tempo la caldaia ti tormenta con strani rumori di natura ignota? Trascurarlo non è la scelta più saggia.

Un rumori della caldaia non sono solo un fastidio per le orecchie, ma è di fatto un malfunzionamento.

C’è un problema non solo se ti ritrovi davanti alla caldaia in blocco, perché un rumore può essere spia di un problema anche se il problema non si è ancora manifestato.

Può trattarsi di qualcosa di lieve, irrilevante e di facile risoluzione, oppure più complesso. Una cosa è certa: se senti che la caldaia fa un rumore strano, emette suoni sinistri, rumori mai prodotti prima, allora è il caso di capire cosa stia accadendo, senza rimandare.

Ti trovi nel luogo giusto perché in questo articolo ci occuperemo proprio di provare a spiegarti cosa accade se la caldaia fa un rumore quando chiudi l’acqua, quali sono i motivi se lo fa quando accendi i riscaldamenti e, soprattutto, cosa puoi fare per risolvere la situazione.

È importante, tuttavia, partire da una constatazione: quando si verificano situazioni di questo genere non è mai consigliabile intervenire da soli, perché il più delle volte spetta al tecnico specializzato trovare la soluzione.

Strani rumori dalla caldaia

La caldaia è uno strumento molto complesso che comprende il collegamento tra due impianti domestici separati (acqua e gas), intervenire in maniera inconsapevole potrebbe danneggiare uno dei due e, a quel punto, il danno non si limiterebbe alla sola caldaia.

Perché, dunque, provare a capire cosa accada quando la caldaia emette un suono strano, se è molto probabile che tu non possa risolverlo da solo?

Perché, come diciamo sempre, lasciare fare ai professionisti non significa non capire. E capire uno strumento come la caldaia, saperla manutenere, significa in automatico comprenderne le esigenze, averne maggiore cura e, di conseguenza, risparmiare su riparazioni, eccessivi consumi energetici e nuovi acquisti.

Sono quattro i rumori più frequenti prodotti dalla caldaia, che esamineremo singolarmente:

  1. Un rumore meccanico
  2. Rumore sordo
  3. Una specie di gorgoglio
  4. Una sorta di fischio

Caldaia fa rumore quando si accende

Il tipo di rumore più frequente è certamente quello di tipo metallico. Si tratta di suoni prodotti, il più delle volte, al momento dell’accensione della caldaia, che si tratti di avviamento per i riscaldamenti, o semplicemente per la produzione di acqua calda.

La ragione di questi rumori meccanici è dovuta essenzialmente ad un problema relativo al ventilatore che espelle i fumi, una componente fondamentale il cui malfunzionamento può anche portare al blocco della caldaia.

Dopo alcuni anni, a causa dell’usura, il ventilatore può avere problemi relativi ai cuscinetti e agli elementi che ne agevolano il movimento.

Si tratta delle maccaniche di questa ventola che toccano parti strutturali della caldaia stessa, la quale potrebbe quindi smettere improvvisamente di funzionare.

Ti stai chiedendo se puoi risolvere da solo? La risposta è no, salvo tu non sia un tecnico specializzato.

Ma questo significherebbe, riflettici, che tu stia leggendo questo articolo inutilmente, o con l’intento di farci notare delle imprecisioni (non è bello).

Cosa fare, quindi, se avverti questo tipo di rumore metallico della caldaia?

La soluzione è quella di chiamare quanto prima un tecnico, che proceda alla sostituzione delle componenti non funzionanti e, eventualmente, dell’intero sistema di ventilazione interno.

Rumore sordo, in che modo eliminarlo

Un’altra eventualità è quella che tu possa avvertire un rumore sordo, qualcosa che somigli a un piccolo scoppio all’accensione della caldaia.

Si tratta di un suono che viene generato dalla fiamma all’interno della caldaia. La ragione di questa problema è da far risalire ad una accensione irregolare o avvenuta in modo scorretto.

Nello specifico accade che quando si accende la fiamma all’interno della caldaia e parte la combustione, la miscela di aria e gas combustibile potrebbe non essere regolata correttamente; di conseguenza può succedere che la fiamma parta in modo irregolare provocando un rumore di scoppio.

Come nel caso precedente, anche in questo frangente bisogna chiedere il prima possibile l’intervento di un tecnico che possa rilevare subito la condizione e l’intensità della fiamma, oltre alla giusta combustione.

Rumore di acqua che ribolle o gorgoglia

Un altro caso è quello di un rumore che restituisce la sensazione di acqua che ribolle, o che gorgoglia. Si tratta di una circostanza meno frequente, ma più grave della norma, perché potrebbe esserci un malfunzionamento dello scambiatore primario, che quindi porta a un blocco della caldaia.

Perché accade questo? È molto semplice: lo scambiatore di calore è una parte fondamentale della caldaia il cui ruolo è quello di prendere il calore della fiamma e trasferirlo all’acqua stessa.

Col tempo e l’usura accade tuttavia che il calcare possa andare a intasare e ostruire il passaggio dell’acqua, depositandosi nei canali attraverso i quali questa passa.

Quando accade questo, l’acqua si riscalda all’interno della caldaia, impossibilitata ad uscire, e si avverte in automatico il rumore di cui parliamo, perché l’acqua sta davvero ribollendo all’interno della macchina.

Obbligatorio, in casi di questo tipo, l’intervento di un tecnico serve a controllare la circolazione dell’acqua nel sistema.

Bisognerà controllare il circolatore dell’acqua, l’assenza di ostruzioni ed infine valutare se necessario cambiare lo scambiatore primario.

Un’altra soluzione può essere quella di effettuare una pulizia chimica dello scambiatore ed effettuare un lavaggio completo dell’impianto di riscaldamento (altra operazione che può essere effettuata periodicamente ed aita a tenere l’impianto in salute).

Questa problematica spesso accade su impianti di riscaldamento molto vecchi dove all’interno la qualità dell’acqua si è deteriorata e melma e sporco si sono depositati all’interno dello scambiatore della caldaia ostruendolo.

Caldaia che fischia

E poi c’è l’ultimo caso, quello che si verifica quando la caldaia produce un suono che è a metà tra un sibilo e un fischio.

A quanto pare questo è un genere di rumore che dipende dalla regolazione del flusso di gas che ha un “minimo” e quando questo “minimo” è troppo basso la caldaia fa quel rumore nel momento in cui tende a ridurre il numero di “giri” del bruciatore, in una dinamica che è un po’ simile a quella di un motorino.

Il minimo si può regolare con opportuna chiave e con uno strumento che misura i parametri di combustione della caldaia.

Il punto resta il solito: se non sei un tecnico esperto, non provarci da solo. Inoltre, per chi abbia sottoscritto la polizza kasko nel corso dell’acquisto, questo genere di intervento è sempre gratuito.

Conclusioni

Affrontare e risolvere i rumori prodotti dalla caldaia è dunque un’operazione non semplicissima, che richiede pazienza (soprattutto quella di sopportare i rumori stessi) e prudenza.

Affidarsi agli esperti è sempre il consiglio migliore che ti si possa dare. In alternativa, se sei alle prime armi e vuoi semplicemente capire quale sia la casistica in quel momento, puoi chiamare il nostro call center o scrivere in chat su www.caldaiemurali.it.

Potrebbero interessarti anche..
Iscriviti alla newsletter