Termopratico » tutte le categorie » Togli l’aceto, metti l’aceto: Come Pulire la Rubinetteria
tutte le categorie

Togli l’aceto, metti l’aceto: Come Pulire la Rubinetteria

Lucidare Rubinetti

Tra i problemi riguardanti il “logorio della vita domestica”, la pulizia dei rubinetti del bagno occupa una posizione di rilievo e richiede particolare cura e attenzione. Ecco perché in questo articolo vedremo insieme come lucidare la rubinetteria del bagno, e non solo!

Tempo fa il nostro #TermoTUTOR Stefano ti aveva già dato suggerimenti su come pulire i filtri dei rubinetti dal calcare, ma il capitolo “come si pulisce la rubinetteria” non è esaurito del tutto e va esplorato sotto un altro punto di vista

Avrai certamente notato che la formazione di calcare e depositi vari può provocare, nel corso del tempo, non solo dei problemi di funzionamento dei rubinetti stessi, date le  incrostazioni che possono formarsi in intercapedini, giunture e nei punti più delicati, ma anche l’estetica può essere penalizzata.

Oggi vogliamo darti alcuni consigli pratici su come lucidare la rubinetteria del bagno e in generale la rubinetteria cromata. Ecco perché questo nuovo articolo è ideale per prenderti cura della cucina, la vasca, la doccia. Prima di cominciare scopriamo insieme quali sono le insidie che si nascondono nell’acqua della nostra casa.

Il problema del calcare nei rubinetti, dentro e fuori

La formazione di calcare può andare ad intaccare e rovinare la superficie dei rubinetti da bagno, la maggior parte dei quali è cromata e quindi soggetta ad una progressiva opacizzazione, dovuta proprio all’effetto del calcare. Qui proveremo a spiegarti come togliere il calcare dalla rubinetteria e avere , fornendoti consigli e soluzioni su quali prodotti utilizzare per rimuovere il calcare dai rubinetti.

Pulizia dei rubinetti, perché si forma il calcare?

La formazione di calcare è condizionata da un fattore determinante, che è quello della durezza dell’acqua, ovvero un valore che esprime il contenuto totale di ioni di calcio e magnesio, oltre che di eventuali metalli pesanti, presenti nell’acqua che alimenta la nostra abitazione.

Tale durezza pò danneggiare non solo i rubinetti ma anche la caldaia e scaldabagno. In due articoli precedenti abbiamo approfondito questi aspetti, ovverro a come contrastare questi problemi optando per un defangatore o un dosatore di polifosfati. Ma questa è un’altra storia.

Torniamo a come pulire i rubinetti dal calcare in maniera efficiacie.

E’ bene precisare che sono due i tipi di pulizia ai quali si può sottoporre un rubinetto:

  • La pulizia profonda
  • La pulizia ordinaria

Due tipologie che necessitano diverse operazioni, oltre che l’utilizzo di diversi prodotti. Se nel primo caso ti verrà l’istinto di utilizzare prodotti aggressivi e di tipo chimico, in questo caso vogliamo parlarti di una circostanza in cui la durezza dell’acqua è di entità lieve ed è possibile agire periodicamente, senza prodotti chimici e servendosi di sostanze ecologiche e non inquinanti. Ti stai chiedendo quali siano? Scopriamolo insieme!

Cosa serve per lucidare i rubinetti da bagno

Una cosa che possiamo dirti con certezza è che lucidare i rubinetti rientra tra quelle poche operazioni per le quali il metodo più efficace in termini di risultati ottenuti è il classico “metodo della nonna” che prevede quattro cose essenziali:

  1. aceto
  2. acqua calda
  3. straccio di cotone
  4. una spazzola sottile/spazzolino da denti.

Lucidare la rubinetteria, come fare

Per prima cosa puoi ricavare lo straccio facilmente da un lenzuolo, fatto questo non dovrai fare altro che unire dell‘aceto all’acqua tiepida, bagnarvi il panno a strofinare delicatamente la parte cromata del rubinetto, così come il lavabo, la doccia e altre parti cromate o in acciaio. Potrai facilmente notare che le macchie di calcare spariranno in pochi secondi, restituendo un effetto di lucentezza pressoché immediato.

Quale tipo di aceto usare per pulire rubinetteria cromata

Sulla tipologia di aceto da usare per rimuovere il calcare dai rubinetti vale la pena fare un piccolo approfondimento, perché in merito sono diverse le tesi. La scelta è tra

  • comune aceto di vino
  • aceto di mele
  • aceto bianco di alcool

Oltre all’effetto anticalcare, tutte le tipologie di aceto, purché sia bianco, hanno un eguale valore antibatterico e disincrostante, che elimina tutte le possibilità di attrarre insetti vari.

L’acido citrico, l’alternativa meno inquinante

Da un punto di vista strettamente ecologico, la scelta migliore è rappresentata dall’acido citrico, composto acido presente negli agrumi, in particolare nei limoni, considerato un acido debole per la sua bassa concentrazione e, dunque, preferibile all’aceto per tre sostanziali motivi:

  1. E’ ancora meno inquinante
  2. E’ ugualmente efficace
  3. E’ inodore

L’acido citrico si può trovare in farmacia, nei supermercati, o nei negozi di prodotti naturali.

Se vuoi sostituire il tuo rubinetto…

In definitiva la manutenzione e la pulizia dei rubinetti richiedono una cura periodica che, seppur in una forma non maniacale, se messa in pratica evita problemi più complessi da affrontare, che alle volte possono compromettere il funzionamento stesso di un rubinetto.

Naturalmente arriverà il momento in cui, per eccessiva usura o voglia di dare un nuovo volto al tuo bagno, penserai di voler acquistare nuovi rubinetti. Se quel momento è arrivvato, non disperare!

In commercio ci sono tanti modelli, visita la sezione dedicata alla Rubinetteria per lavabo, bagno, cucina e moltro altro sul nostro shop, troverai tanti modelli delle migliori marche. Su CaldaieMurali.it non avrai che l’imbarazzo della scelta.

Rubinetteria Grohe

Rubinetteria Frattini

Rubinetteria Paffoni 

Potrebbero interessarti anche..
Iscriviti alla newsletter