Termopratico » Guide » Come Fare il Calcolo del Fabbisogno Termico: Guida Pratica
Guide

Come Fare il Calcolo del Fabbisogno Termico: Guida Pratica

Che tu stia ristrutturando casa, o pensando a come riscaldare al meglio la tua nuova abitazione, hai bisogno di acquistare una stufa a pellet o una stufa a legna, ma non conosci la giusta potenza. Se ti trovi qui è perché hai bisogno di fare il calcolo del fabbisogno termico.

Non sai cos’è?

Non devi sentirti in colpa per questo, sapere fare il calcolo del fabbisogno termico non è una cosa che si conosce a prescindere come il proprio segno zodiacale.

Ecco perché abbiamo creato questa guida che ti aiuterà ad orientarti nella scelta del prodotto più adatto alle tue esigenze di riscaldamento.

Per saperlo è infatti necessario conoscere il fabbisogno termico dell’ambiente che si vuole riscaldare, un dato che richiede un calcolo delicato, capace tuttavia di fornirti gli strumenti sufficienti per capire di che potenza debba essere l’impianto più adatto alle tue esigenze, conducendoti al calcolo dei btu per il condizionatore e al calcolo Kw per gli impianti di riscaldamento.

Non solo numeri, cosa devi sapere per calcolare il fabbisogno termico

Partiamo da una premessa essenziale: l‘efficienza di un apparecchio è legata a una serie di più fattori che rende ogni circostanza particolare ed esposta a variabili. Contano le dimensioni degli ambienti da scaldare, il numero delle finestre presenti nell’ambiente specifico, la presenza di vetrate, l’esposizione al sole e soprattutto la coibentazione della casa, la qualità degli infissi, oltre ad eventuali ponti termici.

Il calcolo fai da te del fabbisogno termico è dunque in grado di fornirti delle informazioni di massima, utili per una scrematura dei vari prodotti acquistabili sul mercato, ma non pienamente esaustivo ai fini della scelta proprio perché, se sei inesperto/a, non puoi tenere conto di alcuni fattori che potrebbero rivelarsi poi fondamentali.

Per questo motivo resta il nostro mantra: una volta fatto il calcolo del fabbisogno termico con le istruzioni che stiamo per darti, prima di confermare l’acquisto, ti consigliamo di chiedere conferma a un tecnico o al tuo installatore, per sapere che si tratti della scelta giusta.

Ora è giunto il momento di capire come calcolare il fabbisogno energetico della tua casa. Ci sono varie tipologie di calcolo, essenzialmente tre.

Calcolo del fabbisogno energetico in Kcal

Diverse sono le formule alle quali puoi ricorrere per conoscere l’entità del fabbisogno termico. La prima è il calcolo matematico che fornisce il totale delle Kilocalorie necessarie a scaldare l’abitazione.

Per fare questo calcolo bisogna utilizzare come dati di partenza i seguenti elementi:

    1. il totale dei metri cubi da scaldare
  1. un coefficiente termico che indica le calorie necessarie per metro cubo.

Quest’ultimo, a seconda delle varie condizioni sopra riportate, è un dato che può oscillare tra un valore che va da 30 a 40 kcal/mc.

Supponi di volere calcolare il fabbisogno termico di un ambiente collocato in una zona pianeggiante e non troppo al di sopra del livello del mare, dunque non soggetto abituale al freddo, dotato di infissi standard e un isolamento termico nella media.

La superficie di questa ipotetica abitazione è di 80 mq e i soffitti si aggirano sui 3 mt. Calcolerai così il fabbisogno termico:

(superficie x altezza) x coefficiente termico = Kcal

E il risultato eccolo qui:

(80 mq x 3 mt) x 35 Kcal/mq = Kcal 8.400

Chiaro che si è scelto quel coefficiente termico perché si è ipotizzato un appartamento in condizioni di temperature medie, ma in condizioni climatiche più rigide e un’abitazione priva delle basilari forme di isolamento, dovresti considerare il coefficiente termico a 40.

Coefficiente che scende a 30 se l’abitazione si trova in una zona di clima mediterraneo e tendenzialmente mite.

Per ultimare il calcolo e comprendere i kW di potenza necessari per il nostro impianto occorre fare la conversione di Kcal in kW.

Per trasformare questo valore in kW utilizza la seguente formula:

Kcal/862 = kW 8400 Kcal/h/862 = 9.7 kW.

In questo caso potrai quindi considerare l’acquisto di un impianto da 10 kW di potenza circa.

Formula per il calcolo approssimativo del fabbisogno energetico in kW

Un metodo di calcolo alternativo è quello che si ottiene partendo da un parametro, quello del fabbisogno di calore specifico, che si misura in kW/m3. Una cifra standard media è di 0,05 kW/m3, ma anche in questo caso, al fine di una maggiore precisione, puoi aiutarti con le condizioni dell’ambiente.

Un edificio di recentissima costruzione, dotato di molti accorgimenti relativi all’efficienza energetica, può avere un fabbisogno specifico inferiore, pari a 0,03 kW/m3.

Un ambiente di costruzione meno recente, che è tuttavia ristrutturato ed ha un buon valore di isolamento termico può mantenere il valore medio di 0,05 kW/m3. Se invece parliamo di una abitazione non ristrutturata, o addirittura di un edificio antico, il parametro da utilizzare oscilla tra 0,08 kW/m3 e 0,12 kW/m3.

Fatto questo ragionamento, andiamo a calcolare il volume dell’appartamento, ovvero la quantità d’aria da riscaldare. Per farlo ti basta moltiplicare superficie per altezza. Moltiplicando il volume dell’appartamento o edificio, per il fabbisogno energetico di calore specifico otterrai la potenza della Caldaia a condensazione che dovrai installare nella tua casa.

Il calcolo del coefficiente K

C’è infine un terzo metodo di calcolo, questo è finalizzato all’acquisto del climatizzatore, che è basato sul rapporto tra mq e il coefficiente K, che ha il valore di 340. Per calcolare i BTU dovrai semplicemente moltiplicare i metri quadri dell’ambiente da riscaldare e rinfrescare per 340. Un metodo di cui su #TermoPRATICO avevamo già parlato tempo fa, con una spiegazione video altrettanto esaustiva del nostro Stefano.

Conclusioni

La scelta di una stufa a legna o a pellet è sempre più facile da controllare per l’utente che vuole acquistarne una, ma le insidie e i malfunzionamenti dovuti a fattori che non si erano considerati prima dell’acquisto, a causa di imperizia o fretta dovuta all’urgenza, sono sempre dietro l’angolo.

Quello che ti invitiamo a fare è leggere, informarti sempre e, ribadiamo, consultare degli esperti prima dell’acquisto. Si tratti del tuo tecnico di fiducia o dei nostri addetti, disponibili tutti i giorni feriali, sia telefonicamente che via chat, per fornirti tutte le informazioni necessarie.

Stai pensando di aquistare un prodotto a legna o pellet per riscaldare la tua casa?

Potrebbero interessarti anche..
Iscriviti alla newsletter