Termopratico » tutte le categorie » Come scegliere la rubinetteria: 3 aspetti fondamentali
tutte le categorie

Come scegliere la rubinetteria: 3 aspetti fondamentali

Come scegliere rubinetteria

Non è semplice capire quali rubinetti comprare per la propria casa. Eppure, durante dei lavori di ristrutturazione, o in caso di sostituzione di un rubinetto danneggiato da usura, potresti trovarti davanti alla necessità di dover comprare un rubinetto.

Dunque: Come scegliere la rubinetteria giusta?

Qui ti aiuteremo a capire quali sono le principali caratteristiche che distinguono una tipologia di rubinetto dall’altra. Conoscendo pochi importanti aspetti sarà più facile farsi strada nella vasta offerta presente sul mercato e comprendere, da un punto di vista pratico ed estetico, quale marca di rubinetti risponda meglio alle tue esigenze.

Come scegliere i rubinetti, i passaggi fondamentali

Sono tre le domande che non puoi evitare di farti se vuoi acquistare un rubinetto:

  1. Rubinetto monocomando o multicomando?
  2. Quanti fori?
  3. I materiali: Meglio ottone oppure l’acciaio?

Prima però è importante stabilire per quale stanza necessitiamo i nuovi rubinetti

Rubinetteria per il bagno e per la cucina: differenze

Può apparire una distinzione banale, ma non è così. Per il bagno ti troverai davanti ad una maggiore varietà di prodotti, vista la possibilità più ampia di scelta determinata dal fatto che il rubinetto di cui hai bisogno può essere destinato al lavandino, alla doccia, oppure al bidet. Per la cucina, invece, non puoi sbagliare: il lavabo è il solo punto di installazione possibile per un rubinetto.

Fatta questa distinzione andiamo a scoprire nel dettaglio come scegliere i rubinetti.

Rubinetto monocomando o multicomando?

La differenza tra le due tipologie di rubinetto è molto più semplice e intuitiva di quanto si pensi. Un miscelatore monocomando ha una sola manopola di regolazione per la temperatura dell’acqua. Il rubinetto bicomando o multicomando, chiamato anche mescolatore, ha invece le tradizionali manopole attraverso le quali misceliamo acqua calda e acqua fredda fino a raggiungere la temperatura che vogliamo.

Quale attacco scegliere?

Un ulteriore filtro essenziale per arrivare a scegliere il rubinetto adatto alle nostre esigenze è quello di capire, che si stiano facendo lavori di ristrutturazione o si stia semplicemente sostituendo il vecchio miscelatore, il numero di fori del nostro impianto, così da scegliere un rubinetto adatto. Il numero di fori varia da uno a tre a seconda delle caratteristiche del rubinetto.

I materiali: Meglio ottone o Acciao per i rubinetti?

Fondamentale per la scelta del rubinetto da acquistare è il materiale con cui un rubinetto è fatto. Sebbene qualche tempo fa ti abbiamo spiegato come lucidare i rubinetti affinché conservino la loro lucentezza, l’usura dei prodotti è inevitabile. Due le principali categorie: i rubinetti in ottone cromato e i rubinetti in acciaio cromato.

La differenza non è solo estetica. La rubinetteria in ottone hanno costi più contenuti, complici costi di produzione inferiori, minor pregio in termini di rifiniture ed una limitata resistenza al calcare e agli altri sedimenti dell’acqua, oltre ad essere soggetto, col tempo ad ossidazione. Al contrario i rubinetti in acciaio mostrano una grande resistenza all’acqua, non si ossidano ed opacizzano, ma in compenso hanno un prezzo più elevato, dovuto anche a dei costi di produzione più alti.

Rubinetti da bagno, quali scegliere

Il mondo della rubinetteria da bagno è vasto e articolato. In caso di lavori di ristrutturazione, la scelta della rubinetteria di doccia, lavandino e bidet è coordinata e si tende dunque a scegliere la stessa tipologia di prodotto. Non vale la stessa cosa se ti accingi semplicemente a sostituire un rubinetto usurato o danneggiato, che comunque non è più utilizzabile. Quando vuoi acquistare dei rubinetti naturalmente stabilisci un tetto di spesa e la decisione finale dipenderà dunque dal costo che intendi affrontare. Per la scelta di rubinetteria a prezzi contenuti si possono trovare ottimi prodotti, che magari sacrificano qualcosa in termini di design ed estetica. Ad incidere sul costo del prodotto è anche il periodo di garanzia del rubinetto assicurato dalla casa, che varia solitamente dai 2 ai 5 anni.

Rubinetti da cucina, quale scegliere

Abbiamo visto che non c’è distinzione in termini di funzionamento tra i rubinetti da bagno e quelli da cucina. Per capire quale rubinetteria da cucina acquistare si fa solitamente una scelta più votata alla praticità. Per il lavabo della cucina le case di produzione vanno dalla normale forma con testa a becco a modelli più funzionali con una traiettoria di un quarto di giro.

Anche in cucina possiamo scegliere tra mescolatori con doppia manopola e miscelatori monocomando. Alcuni modelli sono dotati di una doccetta estraibile, pratica e utile specialmente nel lavaggio a mano delle stoviglie. Anche nell’acquisto del rubinetto da cucina ci sono varie fasce di prezzo, che può aumentare in base alla qualità delle rifiniture (che evitano perdite e usura nel tempo), una migliore resistenza ai prodotti di pulitura dovuta a una cromatura di maggiore qualità, e anche in questo caso per la garanzia.

Innovazione, dai miscelatori termostatici ai rubinetti al led

Uno spazio a parte va certamente riservato a quelle tipologie di rubinetto che esulano dalle scelte tradizionali. Si tratta di prodotti innovativi, per design ma soprattutto per meccanismi e tecnologie di funzionamento. Negli ultimi anni è incrementata la produzione dei cosiddetti miscelatori termostatici, vale a dire rubinetti dotati di un’impostazione per la regolazione di portata e temperatura dell’acqua, grazie a due manici differenti.

Ancora più avveniristici sono invece i rubinetti a led, che invece funzionano solo quando si attiva un sensore che percepisce la presenza delle tue mani. Una tecnologia che, al di là del vezzo, consente un importante risparmio in termini di consumo, perché fa fuoriuscire acqua solo quando strettamente necessario.

Rubinetteria quale marca scegliere

Eccoci pronti a parlare di marchi. Adesso che la rubinetteria non ha più segreti per noi, sappiamo di cosa abbiamo bisogno e incontra i nostri gusti ma infine: Quale marca di rubinetti sarà migliore?

Passando alla marca di rubinetti migliore, è difficile trovare un fattore univoco, ci sono diverse case in grado di garantire alti standard qualitativi, con prezzi più o meno contenuti. Nello specifico Paini, Grohe e Ideal Standard sono probabilmente le case che meglio riescono a coniugare questi due aspetti, senza trascurare il piano estetico.

Si tratta di una domanda di non facile soluzione. E’ difficile trovare un fattore univoco, ci sono diverse case in grado di garantire alti standard qualitativi, con prezzi più o meno contenuti. Nello specifico PainiGrohe e Ideal Standard, Nobili, la loro gamma è disponibile sul nostro shop e sono sicuramente tra le case che meglio riescono a coniugare questi due aspetti, senza trascurare il piano estetico.

Si tratta di brand con una lunga tradizione di prodotti che garantiscono prodotti unici sul mercato.

Conclusioni

Per tirare le somme, abbiamo provato a metterti a disposizione gli strumenti essenziali per scegliere liberamente la migliore soluzione di rubinetteria che preferisci alla vista, sapendo che ci sono alcuni criteri imprescindibili, dei quali dovresti tenere conto salvo che tu non voglia rimetterti, fra poco tempo, alla ricerca di un nuovo rubinetto.

Se ti stai chiedendo dove comprare invitiamo a consultare Caldaiemurali.it, dove oltre a un’ampia e variegata gamma di prodotti, potrai contare costantemente sul supporto telefonico e telematico dei nostri tecnici, a tua disposizione tutti i giorni feriali, dalle 9,00 alle 18,30.

Potrebbero interessarti anche..
Iscriviti alla newsletter