Termopratico » tutte le categorie » Quali sono i consumi di un Camino Elettrico?
tutte le categorie

Quali sono i consumi di un Camino Elettrico?

Stai pensando di acquistare un camino elettrico e ti chiedi quali siano i consumi? Scopriamolo in questo articolo

Il camino è il benessere per eccellenza, tra le immagini che meglio spiegano il tepore di una casa nella quale rifugiarsi quando fuori fa troppo freddo.

Tutti vorrebbero averne uno, ma non tutti possono, per ragioni economiche, strutturali, pratiche. Una soluzione esiste e si chiama: camino elettrico.

Il prodotto non è molto diverso da un camino vero nell’aspetto e nemmeno per quel che riguarda l’efficienza, ma cambia tutto dal punto di vista del costo e dei consumi.

Camino elettrico moderno ed elegante di Tagu

Se sei in cerca di motivi per comprare un camino elettrico, ti chiedi che consumi comporta, come funzioni, oppure non sai se scegliere tra un camino elettrico e un biocamino, o ancora se vuoi capire quali siano le principali caratteristiche di un camino elettrico, sei finito nel posto giusto.

Andiamo per ordine.

Cosa sono i camini elettrici

Al pari del biocamino, il camino elettrico è allo stesso tempo uno strumento utile per riscaldare la casa e un oggetto di arredamento che restituisce tutto il fascino del camino, evitandoti tutte le problematiche connesse ad un camino vero con canna fumaria.

Il fascino del camino

Il camino elettrico infatti non ha bisogno di canna fumaria ed è quindi in grado di garantirti enorme praticità e pulizia, oltre alla possibilità di goderti la bellezza intramontabile del focolaio domestico in qualsiasi luogo, si tratti del tuo salotto, della tua cucina o, perché no, del tuo ufficio.

Come si monta un camino elettrico

I vantaggi sono tanti, forse troppi, anche se si pensa a come montare un camino elettrico. Ad esempio è facilissimo da installare, oltre che comportare un costo di installazione nettamente inferiore a quello di un camino tradizionale, a legna o a pellet.

Ma il risparmio non è solo relativo ai costi di acquisto e installazione, ma anche al dispendio energetico, visto che il consumo energetico è decisamente marginale, vista la possibilità di integrare l’energia elettrica al riscaldamento centralizzato.

In più, un’installazione così rapida, unita alla leggera struttura in MDF, fa sì che il camino elettrico diventi uno strumento mobile, tranquillamente soggetto a spostamenti da una stanza all’altra della tua casa e senza il bisogno di alcun intervento edilizio.

Come funziona un camino elettrico

La sola cosa di cui hai bisogno per far funzionare il tuo camino elettrico è, banalmente, una presa di corrente, che si tratti di un camino elettrico a parete, a incasso o a pavimento.

L’alimentazione di questi prodotti è interamente elettrica e ti dà la possibilità di installare il prodotto in qualsiasi punto della casa vi sia la predisposizione per un attacco elettrico.

Al netto delle differenze tra i vari modelli di caminetto elettrico, a determinarne il funzionamento sono in genere due resistenze da 1000 Watt ciascuna.

Così come due sono le funzioni principali di un caminetto elettrico:

  • riscaldamento
  • effetto fiamma

In alcuni modelli possono essere due azioni separate, in altri devono necessariamente coesistere.

Per quanto riguard, ad esempio, i camini a marchio Tagu, come il TAGU MAGNA

Con questo prodotto possiamo anche decidere di creare l’atmosfera del focolaio senza accendere la funziona riscaldamento, in questo caso potremo anche risparmiare sui consumi. Approfondiremo questo aspetto più avanti. 

Come scegliere un caminetto elettrico

Peso, potenza ed accessori. Sono questi i tre criteri da prendere in considerazione per scegliere il caminetto elettrico più adatto alla tua abitazione. Un caminetto elettrico ha bisogno del giusto spazio che sia in grado di accoglierlo.

I camini elettrici riproducono la magia del fuoco
La fiamma di un camino elettrico

Per predisporre l’apparecchio al funzionamento basterà infatti verificare peso e dimensioni per collocarlo nel luogo giusto, stabilire la potenza richiesta (in genere va da 900 a 2.000 watt per un modello base), informarsi su eventuali accessori ed elementi decorativi, verificare la robustezza dei materiali e la loro resistenza nel tempo, infine accertarsi della presenza di un telecomando per gestire l’utilizzo a distanza.

Le capacità di riscaldamento medie di un caminetto elettrico sono notevoli. Questi apparecchi sono in grado di riscaldare in un tempo brevissimo ambienti piccolo-medi rendendoli subito accoglienti.

Per ragioni di sicurezza, è essenziale che in dotazione al camino ci sia un sistema di autospegnimento per non creare un surriscaldamento e, di conseguenza, esporre la casa al pericolo. Per verificare che tutto sia a norma, basterà la garanzia che certifichi il rispetto delle normative.

Quanta energia consuma un camino elettrico

Se la tua preoccupazione è quella dei costi in bolletta elettrica, il dubbio è assolutamente legittimo. Non c’è da mentire, i consumi energetici sono maggiori rispetto a un camino a legna. Detto questo, ci sono altri aspetti che permettono di non avere costi esorbitanti.

La corrente elettrica rappresenta un costo vivo della spesa mensile o bimestrale ed è necessario poterla controllare. Se sotto questo punto di vista il camino elettrico va inevitabilmente a gravare sul tuo portafogli, c’è da sottolineare che quasi tutti i modelli sul mercato dispongono della possibilità di essere programmati, di selezionare solo la modalità fiamma e altro. 

Vediamo alcuni dettagli:

Riguardo la potenza, di norma, valutando un prodotto nella media, questa va tra i 900 e i 2000 watt. Si calcola una potenza minima dal momento che devono anche essere in gradi di riscaldare l’ambiente. 

Ci sono prodotti di potenza maggiore ma la verità è che questi sono prodotti che hanno una funzione estetica e bisogna usarli ad integrazione del sistema di riscaldamento principale, usare solo il camino elettrico per una villetta bifamiliare, va  da sé che non è la soluzione migliore.

Quindi, prendendo da esempio un modello tra i 1500 e i 200 watt la spesa media, accendendolo la sera mentre guardiamo un film sul divano, la bolletta non sarà certo da capogiro.

Insomma, dipende molto dal contratto per l’energia che hai, la frequenza e il tempo in cui tieni acceso il camino.

Volendo fare un calcolo generale, possiamo dire che se il nostro camino ha un potenza di 1500 watt, assorbirà 1,5 kW/h.

Per sapere quanco ci costa un kW dobbiamo verificare il nostro contratto, se per esempio il costo è di 0,3 allora spenderemo:

 

1,5 * 0,3 = 0,45 centesimi ogni ora. 

 

Infine, bisogna considerare che le case produttrici curano sempre di più l’efficienza e il rispamio. Per questo hanno introdotto le funzioni come quellie introdotte da Tagu:

  • Il timer settimanale consente di risparmiare energia 
    La temperatura giusta al momento giusto: imposta il programma di riscaldamento per ogni giorno della settimana e goditi una stanza calda quando vuoi.
  • Termostato digitale integrato: Controllo preciso della temperatura: mantieni il comfort e risparmia energia grazie al Rilevamento finestra aperta: se la finestra è aperta o la temperatura scende improvvisamente, il focolare TAGU PowerFlame si ferma automaticamente e si prende cura dell’ambiente.
  • Effetto fiamma ultra-luminoso
    LED a risparmio energetico: l’effetto fiamma funziona a 10W, inferiore al consumo energetico di una lampadina.

 

In fine, bisogna considerari i camini elettrici, un po’ come i Camini a Bioetanolo,  da integrazione al sistema di riscaldamento in uso, il loro consumo può essere ampiamente controllato.

Conclusioni

L’acquisto di un caminetto elettrico può essere motivato da ragioni di diverso tipo, esigenze di arredamento che il più delle volte vanno ad unirsi alla necessità di maggiore tepore in casa.

Sono molti i vantaggi derivanti dall’acquisto di questo prodotto, meno i fattori negativi, in considerazione della facilità con la quale l’oggetto può essere installato e disinstallato in qualsiasi momento.

Se hai ancora delle perplessità puoi visitare la sezione dedicata sul nostro sito: Camini elettrici 

I nostri operatori, sia via chat che al telefono allo 06 87811366.

Il nostro Servizio Clienti sapra certamente fornirti l’aiuto necessario per allontanare ogni tipo di dubbio.

Potrebbero interessarti anche..
  • Consigli e Curiosità

    Godere del fascino del fuoco che scoppietta e scalda senza avere il camino? Si può! L’alternativa si chiama stufa a legna. In questo articolo vedremo come potersi godere il calduccio in poltrona grazie alle antiche proprietà combustibili del legno unite alle più moderne ed eleganti soluzioni per il comfort domestico

  • Consigli e Curiosità

    La caldaia perde acqua e non sai cosa fare? Probabilmente la cosa migliore è chiamare un tecnico ma vediamo insieme quali sono le cause e le soluzioni

  • Tutorial
    pulizia stufe pellets

    In questo articolo ti spiegheremo come effettuare la pulizia della stufa a pellet in modo semplice ma efficace.

Iscriviti alla newsletter